> Programma Mensile _

 

domenica 6 MAGGIO

MORRO D'ALBA

 

  • ore 9,00  - 13,00
    Auditorium S. Teleucania

    WORKSHOP

    Come organizzare la propria PROMOZIONE di ARTISTA
    e come INSERIRSI nel MERCATO dell’ARTE con la fotografia

     

    A cura di   Paola Riccardi

     

     

    Il workshop tratterà i principali elementi che vanno a costituire la carriera di un fotografo (e di un artista in genere) puntando l’attenzione sulle giuste tecniche e le modalità di promozione del proprio lavoro da mettere in atto per renderlo visibile presso il pubblico, il mondo del collezionismo, galleristi, critici, curatori.

    Si parlerà di di social networks, di come e perché avere un proprio sito e a chi indirizzarlo, di cosa significa avere uno stile riconoscibile, di come si realizza, in termine di promozione, un’immagine coordinata.

    Se verranno da un lato esposte le buone pratiche da mettere in atto, verranno anche spiegati i principali e più diffusi errori che generalmente i giovani fotografi o artisti compiono nell’approcciare al mondo della fotografia professionale.

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
    Iscrizione Obbligatoria        entro il 27 APRILE 2018

    Modalità di iscrizione:
    scrivere una e-mail a giornate.fotografia@gmail.com  - OGGETTO: workshop RICCARDI e specificare:

    • NOME e COGNOME del partecipante
    • numero di TELEFONO
    • dati per la fatturazione (partita iva, CODICE FISCALE, INDIRIZZO)

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Costo:  Euro 50
     


 

  • ore 15,00  - 17,30
    Auditorium S. Teleucania

    CONFERENZA-DIBATTITO
    Fotografia e mercato: quale valore alle immagini
     

     

    Relatori: Michele Smargiassigiornalista La Repubblica;  Paola Riccardi Curatrice, Photoeditor e critica di fotografia.

     Modera: Simona Guerra

     

    L’incontro costituisce l’appuntamento d’apertura del mese e sarà l’occasione principale in cui dibattere sui vari aspetti legati al mercato della fotografia in Italia. Quali sono le logiche che governano il mercato e a quali necessità rispondono?

    Non si può infatti ignorare che in diversi casi ciò che ha grande valore sul mercato non riscuote lo stesso interesse da parte del pubblico che frequenta le mostre o acquista libri, né va di pari passo con la notorietà conclamata di certi autori che hanno dimostrato concretamente il loro fondamentale ruolo nella storia della fotografia attraverso percorsi artistici importanti e ormai storicizzati. Come sono possibili, se reali, queste discrepanze di valutazione?

    L’incontro sarà inoltre un importante momento per discutere alcuni argomenti di particolare interesse per collezionisti e artisti: la questione molto dibattuta del valore di un vintage rispetto a una stampa moderna e lo spinoso “problema” della tiratura.


    Evento in collaborazione con il Comune di Morro d’Alba

     

 

 

sabato
12
MAGGIO

FERMO
(SCUOLA)

 

 

  • ore 9,00 - 12,00
    Aula Magna - Liceo Artistico "Licini- Preziotti " di Fermo (Via Marsala 34)



    film - DOCUMENTARIO
     Siamo quello che conosciamo

    di Luca Settimo (2016)

     

    Introduce  Simona Guerra

     

    Un omaggio alla carriera artistica del fotografo, pittore e regista estense Mario Lasalandra realizzato dal regista e produttore suo concittadino Luca Settimo.

    «Il film “Siamo quello che conosciamo” è basato sostanzialmente su una carrellata di fotografie in bianco e nero scattate da Lasalandra negli anni Sessanta e Settanta, periodo in cui l’artista aveva cominciato ad alternare alla sua normale attività commerciale di fotografo una ricerca più originale che risentiva dell’ispirazione dei primi film di registi come Fellini, Pasolini, Antonioni e Bergman» spiega il regista e produttore Luca Settimo «Il documentario è commentato dalla voce di Mario che accompagna lo spettatore in un viaggio all’interno di scenari carichi di suggestione in cui maschere, attori e personaggi quotidiani si alternano e catturano l’attenzione in virtù della loro espressività. Per spezzare la monotonia di quello che può sembrare un approccio alle fotografie un po’ impersonale, ho inserito delle clip video in cui l’artista è intento a registrare la sua voce in studio e degli inserti in cui l’artista si reca di persona nei luoghi dove sono state scattate le foto per rilevare le differenze tra la realtà e l’occhio “magico” della macchina fotografica».

    Il documentario, dalla durata di 72 minuti, si presenta attraverso inquadrature spontanee, con un Mario assolutamente naturale, a suo agio. Luca, infatti, ha deciso di seguirlo fin dall’inizio nei suoi interventi in pubblico, instaurando con il tempo un rapporto d’amicizia e fiducia.

     

    [TRAILER]

     

    Un evento in collaborazione con il Circolo del Cinema Metropolis, l'Istituto d'Arte "U. Preziotti" di Fermo e il Liceo Artistico “O. Licini” Porto San Giorgio

 

 

sabato
12 MAGGIO

CAPODARCO
FERMO

 

  • ore 18,15
    Teatro Nuovo - (Piazza della Libertà)


    film   
    CHINA'S VAN GOGHS - ALLA RICERCA DI VAN GOGH

    di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki (2018)


    Introduce il film: Lisa Calabrese
     

    È un documentario che ci porta alla scoperta della realtà cinese di Dafen (Shenzhen-Cina), dove ogni giorno un nutrito numero di artisti riproduce le grandi opere del canone pittorico occidentale.

    Tra questi c'è Zhao Xiaoyong, uno dei "Vang Gogh" cinesi, che insieme alla sua famiglia replica i dipinti del grande artista olandese, senza aver mai visto uno di quei quadri dal vivo. Ripercorrendo la nascita della passione dell'uomo che tramite l'opera vuole arrivare a comprendere il suo artefice, si tenta di dare uno sguardo riflessivo anche sul mercato dell'arte e sul velo invisibile che separa creazione e imitazione.

    In attesa di tuffarci nell'atmosfera suggestiva che vede l'incontro tra Oriente e Occidente in uno spazio universale come quello dell'arte, dove la dialettica dei due mondi viene ad annullarsi, ve ne diamo un assaggio con alcune clip sull'imponente lavoro che vede i Van Gogh cinesi quotidianamente immersi tra le tele e i colori del loro studio a Dafen.

    Dietro Notti Stellate, Autoritratti e Girasoli si cela un lavoro duro, seriale e meccanico, nonché una vera passione per "l'artista rosso", percepibile dalle stesse parole di Zhao. Una passione che ha in sè il desiderio di misurarsi e ricercare il vero Van Gogh, non solo nel proprio operato, ma anche oltrepassando fisicamente almeno una volta nella vita i confini olandesi.

    La fatica, la ricerca del dettaglio, i tentativi di mimesi perfetta, la dedizione, tutto ciò fa sorgere nello spettatore una delle questioni più irrisolte della storia dell'arte: cos'è un artista?

    Zhao può essere considerato tale oppure no, perché dipinge delle mere riproduzioni, delle imitazioni di un bello eterno già creato, già pienamente posseduto? Eppure la seguente clip ci mostra il lavoro immane che c'è dietro ogni pennellata, nonché quanto le riproduzioni dell'artista cinese siano ricercate nella nostra parte di mondo.

    Se c'è un confine tra creare ex novo e creare imitando, chi mai potrebbe dire guardando le opere di Zhao che lui non è un artista, ma solo un fatuo mimetès?
     

    [TRAILER]

     

    ORARI E COSTI:

    Biglietto  Ridotto  MARATONA:       2 FILM   +   apericena  =  Euro 15

     

    1° film - inizio ore 18.15 / Biglietto ingresso = euro 6  (ridotto STUDENTI euro  3)

    Apericena - ore 20.00 = euro 5 (su prenotazione al 347 5706509)

    2° film - ore 21.15 / Biglietto ingresso = euro 6 /  (ridotto STUDENTI euro  3)


    ***
    Un evento a cura di Circolo del Cinema Metropolis,  in collaborazione con Giornate di Fotografia


     

 
  • ore 21,15
    Teatro Nuovo - (Piazza della Libertà)


    film   
    THE SQUARE


    di Ruben Östlund (2017)

     

    Introduce il film: Lisa Calabrese
     

    Christian è il curatore di un importante museo di arte contemporanea di Stoccolma. Una mattina, sulla strada per il lavoro, soccorre una donna in pericolo e si scopre derubato del telefono e del portafoglio. Al museo, intanto, lui e la sua squadra stanno lavorando all'inaugurazione di una mostra, che prevedere l'installazione dell'opera "The Square": un quadrato delimitato da un perimetro luminoso all'interno del quale tutti hanno uguali diritti e doveri, un "santuario di fiducia e altruismo". Su suggerimento di un collaboratore, Christian scrive una lettera in cui reclama i suoi averi rubati, innescando una serie di conseguenze che spingono la sua rispettabile ed elegante esistenza in una vertigine di caos.

    Östlund riprende la riflessione sulla difficoltà di agire realmente secondo i propri valori, ma la astrae da una condizione di emergenza, portandola nel quotidiano di un individuo di condizione privilegiata, che tende a rimandare i conti con chi non appartiene al suo milieu.

    Ma si potrebbe anche dire, altrimenti, che il regista amplia l'emergenza fino a farle inglobare la condizione sociale contemporanee in generale, anche e soprattutto là dove, per contrasto, assume maggior visibilità, vale a dire nella solidale e storicamente egualitaria Svezia. La crisi della responsabilità individuale, che Östlund illustra con toni "dogmatici" nella feroce scena della cena di gala - durante la quale nessuno si alza per aiutare i malcapitati di turno e tutti si chiudono in se stessi sperando che "non capiti a loro" - è un seme tematico che, piantato all'inizio del film, germoglia a più riprese, fino a sfociare nel disperato discorso di scuse di Christian a un ragazzino, che diventa sproloquio autoassolutorio, elegia del senso di colpa collettivo.

    The Square non si può dire un film equilibrato: sfora nella lunghezza, sembra aprire sentieri e argomenti che non porta in fondo, però lo squilibrio è anche l'oggetto del discorso. Come l'arte che diviene arte anche in virtù della sua collocazione (si pensi al ready-made, l'oggetto comune traslato rispetto al suo contesto funzionale), così la vicenda di Christian è fatta di interruzioni imprevedibili del fuori contesto dentro il perimetro (che credeva chiuso e quadrato) della sua vita.

    Tic da sindrome di Tourette, che portano dentro l'inquadratura cinematografica di un film volutamente patinato, e di un mondo che fa della bellezza il suo credo, le immagini di mendicanti e povera gente, e mandano in cortocircuito eccesso e difetto, idealismo e cinismo, polpa e scheletro del film stesso.

    Come l'oggetto dell'arte contemporanea, The Square è anche un film aperto all'interpretazione che il pubblico vorrà dare di lui, e questa, forse, è la sua caratteristica più preziosa.

     

    [TRAILER]

     

    ORARI E COSTI:

    Biglietto  Ridotto  MARATONA:       2 FILM   +   apericena  =  Euro 15

     

    1° film - inizio ore 18.15 / Biglietto ingresso = euro 6  (ridotto STUDENTI euro  3)

    Apericena - ore 20.00 = euro 5 (su prenotazione al 347 5706509)

    2° film - ore 21.15 / Biglietto ingresso = euro 6 /  (ridotto STUDENTI euro  3)


    ***
    Un evento a cura di Circolo del Cinema Metropolis,  in collaborazione con Giornate di Fotografia

 

 

 

domenica
13 MAGGIO

CAPODARCO
FERMO

 

  • ore 10,00 - 11,30
    Teatro Nuovo - (Piazza della Libertà)


    INCONTRO 
    POETI, MASCHERE, ATTORI, FANTASMI:
    IL MONDO IMMAGINARIO DI MARIO LASALANDRA

     

    Simona Guerra dialogherà con il fotografo Mario Lasalandra

     

    Durante l’incontro pubblico Mario Lasalandra ripercorrerà le tappe salienti del suo percorso artistico stimolato dalle domande di Simona Guerra.

    Oltre ad essere per le Marche una rara possibilità di conoscenza diretta dell’autore e della sua opera, l’incontro costituirà un’occasione per conoscere la sua opinione sul mercato della fotografia e sul rapporto che egli ha scelto di avere durante la sua lunga carriera fotografica.

     


     

 
  • ore 11,30
    Teatro Nuovo - (Piazza della Libertà)

     

    film - DOCUMENTARIO
     Siamo quello che conosciamo

    di Luca Settimo (2016)

     

    Un omaggio alla carriera artistica del fotografo, pittore e regista estense Mario Lasalandra realizzato dal regista e produttore suo concittadino Luca Settimo.

    «Il film “Siamo quello che conosciamo” è basato sostanzialmente su una carrellata di fotografie in bianco e nero scattate da Lasalandra negli anni Sessanta e Settanta, periodo in cui l’artista aveva cominciato ad alternare alla sua normale attività commerciale di fotografo una ricerca più originale che risentiva dell’ispirazione dei primi film di registi come Fellini, Pasolini, Antonioni e Bergman» spiega il regista e produttore Luca Settimo «Il documentario è commentato dalla voce di Mario che accompagna lo spettatore in un viaggio all’interno di scenari carichi di suggestione in cui maschere, attori e personaggi quotidiani si alternano e catturano l’attenzione in virtù della loro espressività. Per spezzare la monotonia di quello che può sembrare un approccio alle fotografie un po’ impersonale, ho inserito delle clip video in cui l’artista è intento a registrare la sua voce in studio e degli inserti in cui l’artista si reca di persona nei luoghi dove sono state scattate le foto per rilevare le differenze tra la realtà e l’occhio “magico” della macchina fotografica».

    Il documentario, dalla durata di 72 minuti, si presenta attraverso inquadrature spontanee, con un Mario assolutamente naturale, a suo agio. Luca, infatti, ha deciso di seguirlo fin dall’inizio nei suoi interventi in pubblico, instaurando con il tempo un rapporto d’amicizia e fiducia.

     

    [TRAILER]

     

    Sarà presente il regista LUCA SETTIMO.   Seguirà dibattito.

     

    Un evento a cura di Circolo del Cinema Metropolis,  in collaborazione con Giornate di Fotografia

     


     

 
  • ore 11,30
    Teatro Nuovo - (Piazza della Libertà)


    TouCh-ExPOsiTion  

    con
    MARIO LASALANDRA

     

    Sarà presente l’autore Mario Lasalandra Simona Guerra, archivista fotografica

     

    Ingresso con Prenotazione Obbligatoria **
    -- POSTI  LIMITATI --

     

      

    In un mondo sempre più virtuale abbiamo sentito la necessità di valorizzare maggiormente l’atto e l’attitudine del/al vedere l’opera fotografica in modo reale. Se è vero che la fotografia è un mezzo per arrivare alle persone - come sosteneva peraltro anche il fotografo Mario Giacomelli - ci siamo proposti di usare l’oggetto fotografico per far incontrare le persone con l'autore.

    TouCh-ExPOsiTion è una sessione privata vis-à-vis viene data la possibilità di toccare con mano l'opera di fotografi autorevoli e di ascoltarne l’esperienza di creazione dalla viva voce dell’autore presente (o con i suoi più attenti studiosi e/o collaboratori: biografi, stampatori, eredi ecc.).

    Con TouCh-ExPOsiTion:

    • si accorcia la distanza che c'è tra noi e l'oggetto fotografia: la osserviamo senza “filtri” quali cornici, vetri, passe-partout. Possiamo maneggiarla con le nostre mani (rigorosamente con i guanti) usando altri sensi oltre a quello della vista.

    • diventiamo fruitori più attivi. L'osservatore diventa esperienza diretta, un momento di approfondimento attraverso domande all'autore portatore di nuovi spunti di riflessione.
       

       

** Per prenotare l'incontro con LASALANDRA inviare una e-mail a expose@giornatedifotografia.it 
       - OGGETTO: LASALANDRA , indicando nome e cognome e telefono cellulare.
 

 

 

sabato 19 MAGGIO

SENIGALLIA

  • ore 9,00 - 19,00
    presso Studio Paolo Monina, Senigallia (AN)


    SEMINARIO 
    Editing - Sedute individuali

    con
    Simona Guerra

    5 Sessioni individuali e private da un’ora e mezzo ciascuna

     

    L’editing è un passaggio chiave nella comunicazione per immagini. Svolgerlo ed organizzarlo al meglio accresce la possibilità di raggiungere i propri obiettivi.

    Durante la sessione individuale l’autore potrà esporre in maniera approfondita il lavoro fotografico a cui si sta dedicando sia esso destinato a una pubblicazione, una mostra ecc.
    Verranno affrontate alcune ipotesi sullo sviluppo delle sequenze, in base al tipo di linguaggio che si vuole utilizzare, e individuate le immagini chiave del lavoro.

    Stimolati dalle domande della conduttrice si proverà ad ipotizzare eventuali miglioramenti o integrazioni del lavoro nel rispetto delle motivazioni alla base della creazione fotografica originale.

    Alcune indicazioni provenienti dal mondo della scrittura creativa già applicate dalla Fotografia Consapevole™ verranno suggerite e sperimentate con gli autori, se richieste, per intervenire anche sui futuri lavori ancora da realizzare.

     

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
    Iscrizione Obbligatoria       entro il 14 MAGGIO 2018

    Modalità di iscrizione:
    scrivere una e-mail a giornate.fotografia@gmail.com  - OGGETTO: seminario GUERRA e specificare:

    • NOME e COGNOME del partecipante
    • numero di TELEFONO
    • dati per la fatturazione (partita iva, CODICE FISCALE, INDIRIZZO)

    Sessioni prenotabili:
    9,00-10,30;
    11,00-12,30;
    13,30-15,00;
    15,30-17,00;
    17,30-19,00.

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Costo:  Euro 120
    Euro 100  se si partecipa anche al seminario con Paola Riccardi

     

 

 

domenica 20 MAGGIO

OSTRA

 

 

 

  • ore 10,00 - 13,00
    ore 15,00 - 17,30

    EX CONVENTO DELLE CLARISSE

    (Refettorio delle suore, adiacente la Chiesa di San Rocco in piazza dei Martiri)

     

    Expose Yourself #12
    Un nuovo modo di intendere la lettura portfolio

    In occasione dell'evento Primavera Fotografica

    In collaborazione con:
    COMUNE di OSTRA

     

    Un tavolo viene offerto ad ogni singolo autore che potrà qui esporci il suo lavoro, come in una piccola mostra, permettendo ai visitatori interessati di avvicinarsi e porre in maniera costruttiva domande e critiche agli autori stessi. Non più dunque la classica lettura dell’esperto sul lavoro del fotografo ma un nuovo modo di mostrare i propri lavori, di farsi conoscere e di confrontarsi in maniera divertente con altri fotografi e appassionati.

    COSA E'  esattamente  EXPOSE YOURSELF ???
     - clicca qui per saperne d più  -

    Evento Gratuito
    Posti limitati
    (max 10 fotografi)
     

    ::::::::::::::::::: Per i fotografi che vogliono esporre :::::::::::::::::::::
    GRATIS e solo su prenotazione.
    Esporranno solo i primi 10 fotografi che si iscrivono.

    Tema libero e numero foto da esporre a propria discrezione.
    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Modalità d' iscrizione:  

    Inviare una mail all’indirizzo expose@giornatedifotografia.it
    OGGETTO: Expose Yourself #12”  allegando: 
    nome, cognome, città di provenienza, recapito telefonico.

    SOLO I PRIMI 10 verranno ricontattati per accordi sulle modalità. 

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
    Chiusura iscrizioni 30
    aprile 2018
    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

     


 

 

  • ore 18,00 - 19,00

    TEATRO COMUNALE

    (in piazza dei Martiri)

     

    INCONTRO DIBATTITO
    Fotografo: un' altra merce nel mercato?

     

     

    Incontro e dibattito con gli autori

      

    Moderano:
    Simona Guerra e Lisa Calabrese


    A chiusura della giornata di esposizione ed anche delle mostre tenutesi in occasione della Primavera fotografica 2018 l’incontro verte sull’importanza e il ruolo delle mostre e del mostrarsi nella promozione del lavoro autoriale.

 

 

sabato

26 MAGGIO

SENIGALLIA

  • ore 11,00
    presso Studio Paolo Monina,
    Via Giovanni Cimabue, 27 - Senigallia (AN)

     

    POSTI LIMITATI - SOLO SU PRENOTAZIONE



    INCONTRO SPECIALE
    Caffè fotografico + “Libri da non dimenticare #3”
    (Ri)presentazione di libri sul tema dell’edizione: la Fotografia e il mercato.

    con Simona Guerra

    Proporremo dei libri strettamente collegati al tema di quest'anno " FOTOGRAFIA e MERCATO "

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    Guida pratica al mercato della fotografia
    Paolo Morello,
    Palermo 2008. ISSF.

    Collezionare fotografia. Il mercato delle immagini
    Denis Curti e Sara Dolfi Agostini,
    Milano 2010. Contrasto.

    Sono io che non capisco. Riflessioni sull'arte contemporanea di un obiettore alla crescita
    Maurizio Pallante,
    Roma 2013. Edizioni per la decrescita felice.

    Collezionare fotografia
    Nicola Maggi e  Laura Torricini,
    Le guide di Collezione da Tiffany, 2015.

    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    POSTI LIMITATI - SOLO SU PRENOTAZIONE

    ** Per prenotare la partecipazione inviare una e-mail a info@giornatedifotografia.it 
           - OGGETTO: LIBRI DA NON DIMENTICARE , indicando nome e cognome e telefono cellulare.

 

 

domenica
27 MAGGIO

ANCONA

 

 

  • ore 15,00 - 17,00
    Auditorium Polveriera, Parco del Cardeto       [come raggiungerci]

    TouCh-ExPOsiTion
    RENZO TORTELLI: L'OPERA

     

    Mediatori:
    Claudio Marcozzi, storico della fotografia
    Annalina Tortelli
    , Archivio Renzo Tortelli
    Simona Guerra, archivista fotografica.

     

    Ingresso con Prenotazione Obbligatoria **
    -- POSTI  LIMITATI --

     

    In un mondo sempre più virtuale abbiamo sentito la necessità di valorizzare maggiormente l’atto e l’attitudine del/al vedere l’opera fotografica in modo reale. Se è vero che la fotografia è un mezzo per arrivare alle persone - come sosteneva peraltro anche il fotografo Mario Giacomelli - ci siamo proposti di usare l’oggetto fotografico per far incontrare le persone con l'autore.

    TouCh-ExPOsiTion è una sessione privata vis-à-vis viene data la possibilità di toccare con mano l'opera di fotografi autorevoli e di ascoltarne l’esperienza di creazione dalla viva voce dell’autore presente (o con i suoi più attenti studiosi e/o collaboratori: biografi, stampatori, eredi ecc.).

    Con TouCh-ExPOsiTion:

    • si accorcia la distanza che c'è tra noi e l'oggetto fotografia: la osserviamo senza “filtri” quali cornici, vetri, passe-partout. Possiamo maneggiarla con le nostre mani (rigorosamente con i guanti) usando altri sensi oltre a quello della vista.

    • diventiamo fruitori più attivi. L'osservatore diventa esperienza diretta, un momento di approfondimento attraverso domande all'autore portatore di nuovi spunti di riflessione.
       

    ** Per prenotare l'incontro inviare una e-mail a expose@giornatedifotografia.it
         - OGGETTO: TORTELLI , indicando nome e cognome e telefono cellulare.
     


 
  • ore 18,00
    Auditorium Polveriera, Parco del Cardeto       [come raggiungerci]

     

    Conferenza - Lezione aperta
    Renzo Tortelli e
    la fotografia marchigiana negli anni ‘50


    Relatori:

    Claudio Marcozzi, storico della fotografia
    Annalina Tortelli
    , Archivio Renzo Tortelli
    Simona Guerra
    , archivista fotografica


    Negli anni ’50 la fotografia nelle Marche vive un periodo particolarmente intenso e produttivo a cui Renzo Tortelli contribuisce con la sua produzione e con una costante partecipazione al dibattito culturale.

    La realtà di Fermo con Luigi Crocenzi e il suo Centro per la cultura nella Fotografia è uno dei poli più attivi in regione assieme a Senigallia, dove gli animatori del gruppo La Bussola e Misa stanno negli stessi anni lavorando.

    In questo contesto opera Renzo Tortelli che, a contatto con entrambe i poli della fotografia marchigiana ha elaborato un suo stile e proposto una produzione riconosciuta anche all’estero.

    L’incontro che ha come perno la produzione dell’autore toccherà i momenti salienti della sua produzione ma costituirà inevitabilmente anche l’occasione per affrontare un percorso trasversale nella storia della fotografia marchigiana che tanto ha dato con i suoi autori alla storia della fotografia italiana.

    Evento in collaborazione con l'Ass. IL MASCHERONE (Ancona)

 

 

 

 

Testi e immagini di questo sito web sono soggetti a diritto d'autore - Copyright © Simona Guerra e Lisa Calabrese. Tutti i diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale senza autorizzazione.

Contatti: info@giornatedifotografia.it - Tel. 347.5789593 (Lisa) - 338.8048294 (Simona)

Web Graphic Designer & Webmaster:
Lisa Calabrese

Contatore sito